Damigelle e paggetti: tradizione, regole e ruolo

Damigelle e paggetti

Hai già inviato le partecipazioni di matrimonio a tutti i tuoi invitati. Adesso è quindi arrivato per te il momento di gettarti a capofitto nell’organizzazione della cerimonia e del ricevimento. Abbiamo deciso allora di parlarti di damigelle e paggetti, un piccolo viaggio alla scoperta dell’origine di questa tradizione, delle regole da seguire per nozze impeccabile, del loro ruolo.

Damigelle e paggetti: cosa dice la tradizione

Molte persone credono che damigelle della sposa e paggetti siano figure entrate solo di recente nei matrimoni. In realtà non è affatto così. Si tratta anzi di una tradizione antica, di cui anche i poeti latini parlano. In passato i paggetti prendevano il nome di Amorini mentre le damigelle della sposa erano chiamate le Grazie. Amorini e Grazie accompagnavano la sposa nel tempio, con in mano delle piccole fiaccole.

Quali regole seguire per nozze impeccabili

Damigelle e paggetti dovrebbero essere scelti tra i parenti. Attenzione però all’età. È del tutto inutile scegliere damigelle e paggetti troppo piccoli, non riuscirebbero infatti a portare a termine il loro compito al meglio e c’è anche il rischio che, sentendosi sotto le luci dei riflettori, si intimidiscano e si mettano a piangere. Non ci sono bambini della giusta età nella tua famiglia? Allora puoi sempre chiedere ai figli di qualche amico.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, non ci sono delle regole ben precise, ma solitamente le damigelle della sposa indossano un abito simile in quanto a stile a quello della sposa e i paggetti invece un abito simile a quello dello sposo. Anche loro insomma devono essere elegantissimi! È vero però anche che si tratta pur sempre di bambini che poi vorranno correre e giocare. È giusto quindi che l’abbigliamento scelto offra loro la massima libertà di movimento possibile.

Damigelle e paggetti

Il ruolo di damigelle e paggetti

Il paggetto dovrebbe aprire il corteo nuziale. A lui il compito di portare il cuscino con le fedi. La damigella invece dovrebbe avere tra le mani un bouquet, identico a quello della sposa anche se ovviamente di più piccole dimensioni. In alternativa al bouquet, la damigella può avere un cestino o una borsa con petali floreali, da spargere lungo il percorso che dopo pochi istanti farà la sposa. Una volta raggiunto l’altare, damigella e paggetti vanno a sedersi accanto ai loro genitori.

Damigelle della sposa in stile americano

Diverso è il discorso per quanto riguarda le damigelle della sposa così come vuole la tradizione americana, una tradizione che si sta diffondendo sempre più anche qui da noi in Italia. In questo caso non si tratta di bambine, ma delle migliori amiche della sposa, di solito quindi più o meno della sua età.

La sposa sceglie un colore che le damigelle dovranno indossare, che non è mai il bianco, ma che è una tra le tonalità scelte come predominanti anche per il bouquet e gli allestimenti. La sposa sceglie anche i vestiti delle damigelle che possono essere identici per tutte le damigelle, simili tra loro ma personalizzati in base al fisico di ognuna, tutti uguali tranne quello della damigella d’onore, colei che poi fa anche da testimone alla sposa. Possono essere abiti lunghi da cerimonia, abiti corti da cocktail, completi e chi più ne ha più ne metta, tutto dipende dalla tipologia di effetto visivo che la sposa vuole ottenere.

Apri la Chat
1
Hai Bisogno di Aiuto?
Salve,
Come possiamo aiutarla?